Articoli

E il Sogno realtà diverrà

La favola di Cenerentola risulta la più letta al mondo ed e’ quella che ha ispirato effettivamente ogni film d’amore, da quelli cult su cui sognavano le nostre nonne, basti pensare a Via col Vento con Rossella O’Hara e il suo Brett, a quelli degli ultimi anni, su cui versiamo fiumi di lacrimoni mangiando gelato sul divano: alzi la mano chi non ha rivisto per la milionesima volta Dirty Dancing qualche giorno fa? Ecco appunto, tenete le mani in tasca che e’ meglio! Che a pensare a Johnny, animatore di villaggio e Babe, Cenerentola si, ma senza trucco e simile alla figlia della vicina di casa di mia mamma, mi sfugge ancora una lacrima di commozione pensando alla famosa frase “nessuno può mettere Babe in un angolo”. E anche agli addominali del buon Patrick Swayze, che, diciamolo, come principe azzurro no, ma come spogliarellista…. anche si!

Da piccole noi cresciamo con il mito di Cenerentola e per tutta la vita sognamo la favola e il vestito di Cenerentola, che quando gira fa tutte le stelline. Sognamo il castello, con la sua lunga scala e un salone bellissimo, dove ballare occhi negli occhi con il nostro principe. E quando cerchiamo la location per il matrimonio non sia mai che l’orario ultimo sia mezzanotte! Il sogno deve durare quanto diciamo noi! E comunque non quanto quello di Cenerentola, ma molto di più!

Insomma il ricevimento di matrimonio e’ la rievocazione della festa di Cenerentola quindi per noi e’ molto importante! E’ la realizzazione della favola, ci sembra di entrare nel libro e di essere proprio noi le protagoniste. Ecco perché il matrimonio e’ un mondo a se’, perché si porta dietro una logica emozionale e un retaggio culturale di cui non ci rendiamo veramente conto ed ecco perché amo fare questo lavoro perché dopo mesi trascorsi a creare la favola, ad accompagnare le future spose a provare abiti bellissimi e a disegnare allestimenti, alla fine, ogni volta faccio parte di quel mondo da favola, e ogni volta sono la Fatina , ma anche Cenerentola insieme a voi

Perché  se il mito di Cenerentola e’ quello che ci sta alle spalle, davanti a noi c’è un libro fatto di pagine bianche tutto da scrivere.

VI accompagnerò alla scoperta delle mille sfaccettature che la favola del vostro ricevimento può assumere perché Cenerentola ha avuto una gran fortuna,  ma ha dovuto fare tutto da sola e con matrigna e sorellastre che certo non la aiutavano, perché i sogni son desideri e nelle favole non ci sono i parenti da sistemare, il budget da far quadrare e le date prenotate in tutto il reame. Voi invece vivete nella vita reale con i piedi ben piantati per terra e senza scarpine di cristallo quindi per fare tutto vi serve …la Fatina! Eccomi dunque! Pronta a realizzare tutti i vostri sogni! E non preoccupatevi, che a mezzanotte la festa non finisce, perché…. C’è’ l’open bar! Così vivranno tutto felici e contenti!

Monica Olivero

LA CENERENTOLA DI CAMBRIDGE

Proprio ieri, 9 marzo, Kate Middleton ha azzardato una nuova uscita pubblica, per partecipare alla celebrazione del Commonwealth Day all’Abbazia di Westminster; esattamente il luogo in cui lei e il Principe William si sono sposati. Si, un Principe! Ma ci pensate?! Kate è senza dubbio la Cenerentola dei giorni nostri! L’unica ad aver realizzato la fiaba, il sogno che ogni donna ha fin da bambina; sposare un principe e passare da ragazza comune a principessa.

La fiaba si è avverata alle 11:20 di venerdì del 29 aprile 2011. Ma sappiamo che la magia è avvenuta prima, quando il Principe William ha chiesto in sposa il 20 ottobre 2010, annuncio fatto il 16 novembre, Catherine Middleton, la ragazza comune che aveva conosciuto in università (sicuramente aumentando di netto le iscrizioni femminili universitarie, con tanti cari ringraziamenti da parte dei direttori). In ogni caso tutte ricorderemo senz’altro il loro matrimonio, dato che la cerimonia è stata trasmessa in diretta in tutto il mondo e senza contare quelle presenti, è stata vista da 2 milioni di persone, fra le quali certamente c’eravate anche voi, incollate al televisore con i lacrimoni.

Ed ora ecco che Kate si presenta per la seconda volta con il pancione. Circolano un sacco di voci sulle lamentele del nonno Carlo, erede al trono, sul fatto di vedere poco il primogenito della coppia, ma a far parlare milioni di persone sono le voci sul sesso del bambino. Prima si era presentata con un cappottino blu e tutti avevano pensato fosse un’indicazione per l’imminente arrivo di un maschietto, ma poi ecco che indossa rosa confetto di Alexander McQueen con tanto di cappellino, scarpe e pochette di Prada, ovviamente abbinate. (Mi chiedo se si fosse vestita di giallo cosa avrebbero pensato… forse tutti si sarebbero allarmati per l’arrivo di un probabile erede di origine orientale!). Quindi suggerirei di non basarsi sui colori dei cappottini di mamma Kate, ma di aspettare la nascita della seconda gioia per questa bella coppia e continuare a seguire la loro bellissima storia d’amore; la loro fiaba diventata realtà.

Sara Fiandaca