Wedding Cake: concludere in…Dolcezza!

Oggi affrontiamo un argomento molto dolce: la wedding cake, altra protagonista del vostro giorno più bello!

Quello che non sapete è che la torta nuziale a cui siamo abituati è una tradizione relativamente recente: nel XVII secolo gli invitati portavano al ricevimento dei pasticcini e li mettevano su un vassoio per creare una piramide come simbolo di prosperità e gli sposi dovevano riuscire a baciarsi superando questa montagna di dolci. Sembra che in seguito a questa usanza, un cuoco francese abbia ideato la torta a piani glassata.

Solo nell’Ottocento nei paesi anglosassoni la torta nuziale assume l’aspetto odierno. La prima torta di nozze della storia che ha avuto una copertura mediatica è stata quella della Regina Vittoria: correva l’anno 1840 e la torta fu ricoperta con ghiaccia bianca (un vero lusso per l’epoca). La torta misurava quasi 3 metri di diametro e pesava 140 chili!

In Italia fino alla prima metà del Novecento non aveva ancora avuto successo e infatti i matrimoni terminavano con un semplice dessert. Ma è a partire dagli anni ’50 che l’uso della torta nuziale si diffonde diventando un elemento indispensabile per concludere al meglio il ricevimento nuziale.

Torte a piani in stile americano, naked cake, crostate alla frutta, torte tradizionali, mini wedding cake: ormai le possibilità sono (quasi) infinite, il limite è solo la vostra fantasia! Importante è che la torta nuziale rispecchi voi e lo stile che avete dato al matrimonio: soprattutto nel caso di una torta a piani, le decorazioni e i colori devono seguire il mood di tutto l’evento. Vediamole nel dettaglio:

  • Wedding cake americana: è indiscutibilmente la più scenografica e gettonata del momento! Permette di lasciare gli ospiti a bocca aperta e dare libero sfogo alla vostra fantasia: colori, nastri e decorazioni fanno da padroni! Certo, ad alcuni il gusto della pasta da zucchero non va proprio giù e bisogna tenere a mente che, oltre all’impatto visivo, è scenografico anche il loro prezzo!
  • Naked cake: è l’ultima tendenza del momento, letteralmente “torta nuda”, rivestita solo da una ganache, quindi ideale per chi non ama la pasta da zucchero. L’aspetto è molto naturale e più rustico rispetto a quella in stile americano: è perfetta per matrimoni in stile shabby chic o country.
  • Crostata alla frutta: regina dei matrimoni più classici, coloratissima e sicuramente buonissima! È una torta fresca, che incontra i gusti di tutti e dal sapore più leggero: se non volete sbagliare questa è quella che fa per voi! E chi l’ha detto che è una scelta banale? Una crostata di frutta, seppur a un piano, ma di grandi dimensioni ha sicuramente un impatto visivo altrettanto stupefacente.
  • Torte tradizionali: con questo termine intendiamo torte classiche come la millefoglie, cheesecake, meringata, red velvet, saint honorè, mimosa, sacher… Riteniamo che la scelta di una di queste torte sia quella più personale: la scelta ricadrà infatti sulla vostra preferita, quella che vi ricorda un momento particolare della coppia, quella che più rispecchia i vostri gusti. È il vostro giorno e anche la wedding cake deve rispecchiarvi!
  • Mini wedding cake: in questo caso non si avrà una torta nuziale vera e propria ma tante piccole monoporzioni, una per ogni ospite. Questa soluzione è sicuramente indicata per sposi moderni che vogliono stupire gli ospiti con qualcosa di ancora poco visto!

Quindi quale scegliereste? Noi vi consigliamo di orientarvi verso una torta dal gusto semplice e leggero, sicuramente non sbaglierete! Soprattutto per le wedding cake in stile americano, sarebbe meglio abbinare la frutta alla crema di farcitura e non il liquore, in modo da accontentare qualsiasi palato. E ricordatevi che i vostri ospiti devono rimanere stupiti non solo dall’estetica della torta ma soprattutto dal suo gusto: se farete centro in entrambi gli aspetti avrete chiuso il vostro matrimonio… in dolcezza!

Valentina Cesca

Vuoi leggere un altro articolo?